ParkAgent

Coronavirus Restrizioni all’ingresso

news

articolo del 25 febbraio 2020

COVID-19 Paesi con Restrizioni all’ingresso.

MAURITIUS

25/02/2020

A seguito della diffusione del “nuovo coronavirus” (Covid-2019), le Autorità delle Mauritius fino a nuova comunicazione, hanno interdetto l’accesso ai viaggiatori provenienti dalle seguenti regioni italiane: Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna; nonché ai viaggiatori provenienti da Cina e Corea del Sud. Tutti i cittadini mauriziani che abbiano viaggiato (o anche solo in transito) negli ultimi 14 giorni nelle regioni italiane Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna o in Cina o in Corea del Sud potranno entrare a Mauritius ma saranno sottoposti a quarantena. Poiché le autorità locali potrebbero estendere le misure di controllo anche ad altre categorie di passeggeri, con scarso o nessun preavviso, si raccomanda di effettuare sempre verifiche con il proprio tour operator e con le compagnie aeree e di monitorare questo sito web prima di intraprendere il viaggio.

SEYCHELLES

25/02/2020

In risposta all’emergenza COVID-19 (nuovo coronavirus), le Autorità delle Seychelles stanno applicando restrizioni all’ingresso. Ad eccezione dei cittadini delle Seychelles e dei residenti nel Paese, le autorità locali hanno vietato a tutte le compagnie aeree con voli diretti alle Seychelles di imbarcare passeggeri che siano stati in Italia, Cina, Sud Corea e Iran negli ultimi 14 giorni. Analogamente, i passeggeri che arrivano via mare non potranno sbarcare se sono stati Italia, Cina, Sud Corea e Iran negli ultimi 14 giorni. Tutti i residenti di ritorno che sono stati in Italia, Cina, Sud Corea e Iran saranno messi in quarantena obbligatoria per 14 giorni all’arrivo. Le autorità locali possono estendere tali misure anche nei confronti viaggiatori provenienti da altri Paesi in cui si stiano verificando fenomeni di contagio da coronavirus. Per maggiori informazioni consultate il sito del Ministero della Salute http://www.health.gov.sc/index.php/news-posts/several-measures-place-loc… e il Focus “Coronavirus Covid-19” sulla homepage di questo sito.

BRASILE

25/02/2020

Al fine di prevenire la diffusione del coronavirus, l’Anvisa (Agenzia nazionale di vigilanza sanitaria del Ministero della salute brasiliano) ha adottato una procedura di controllo sui voli diretti in arrivo dall’Italia presso l’Aeroporto internazionale di San Paolo, che prevede la salita a bordo di alcuni ispettori dell’agenzia, la formulazione di una serie di domande a fini di sanità pubblica, in particolare all’equipaggio, e la lettura, da parte del personale di bordo ai passeggeri, prima dello sbarco, di un messaggio informativo che richiama misure preventive per evitare la trasmissione della malattia e la necessità di rivolgersi ad un medico nel caso in cui si registrino sintomi quali febbre, tosse o difficoltà respiratorie.

KUWAIT

25/02/2020

Le autorità locali hanno disposto che a qualsiasi cittadino straniero che sia stato in Cina o nelle Regioni Amministrative Speciali di Hong Kong e Macao o in Iran nelle due settimane precedenti il tentativo di entrare in Kuwait, verrà negato l’ingresso, anche in presenza di un visto o permesso di soggiorno validi. Il Paese ha inoltre annunciato la sospensione di tutto il traffico aereo da/per l’Iran, l’Italia, la Corea del Sud e la Thailandia. Nei terminal dell’aeroporto internazionale del Kuwait sono presenti termo-camere per rilevare la temperatura corporea dei passeggeri. Inoltre, gli equipaggi delle compagnie aeree commerciali sono tenuti a segnalare alle autorità kuwaitiane tutti i passeggeri che posso manifestare sintomi compatibili con il COVID-19, per le valutazioni necessarie da parte delle autorità sanitarie locali.

ISRAELE

24/02/2020

Nell’ambito delle misure adottate dalle autorità israeliane per la prevenzione della diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), si segnala che è vietato l’ingresso nel Paese a tutti gli stranieri non residenti che abbiano soggiornato nella Repubblica Popolare Cinese incluse le Regioni Amministrative Speciali di Hong Kong e Macao, in Corea del Sud, in Giappone, in Thailandia o a Singapore nei 14 giorni precedenti l’arrivo in Israele. Per gli stranieri residenti in Israele e provenienti da questi Paesi – al pari dei cittadini israeliani – è invece previsto l’obbligo di evitare luoghi pubblici (“auto-quarantena”) per i 14 giorni successivi all’ultima data di permanenza sul loro territorio. Chiunque sia stato in Italia, a Taiwan o in Australia nei 14 giorni precedenti l’arrivo in Israele e sviluppi sintomi compatibili con il COVID-19 dovrà sottoporsi a controlli medico-sanitari secondo le linee guida le Ministero della Salute israeliano. Sono stati inoltre sospesi tutti collegamenti aerei della compagnia di bandiera El Al con la Repubblica Popolare Cinese fino al 24 aprile 2020 e con la Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong fino al 29 marzo 2020. Per maggiori informazioni e consigli pratici in merito al COVID-19 (nuovo coronavirus), si rimanda al relativo Focus sulla homepage di questo sito, nonché al sito del Ministero della Salute israeliano: https://www.health.gov.il/English/Topics/Diseases/corona

 

KAZAKHISTAN

24/02/2020

Il governo Kazako, a partire dal 20 febbraio, ha applicato stringenti misure di contenimento del coronavirus sui passeggeri in ingresso nel Paese, provenienti da tutti i Paesi dove si sono registrati casi di infezione. In particolare, le misure sono graduate sulla base del Paese di provenienza, secondo fasce di rischio determinate dalle autorità locali e suscettibili di essere modificate in qualsiasi momento, a seconda dell’evoluzione dell’epidemia. Attualmente, i passeggeri provenienti dalla Cina saranno soggetti a quarantena in ospedale per un periodo di 14 giorni, seguita da un ulteriore monitoraggio medico di 10 giorni; i passeggeri provenienti da Singapore, Giappone, Thailandia, Corea del Sud, Hong Kong e Macao saranno tenuti ad una quarantena a domicilio per 14 giorni, visitati giornalmente a domicilio da personale medico, seguiti da ulteriore monitoraggio medico di 10 giorni; i passeggeri provenienti da altri Paesi nei quali si sia registrato un numero contenuto di contagi saranno soggetti a quarantena ma dovranno rendersi reperibili telefonicamente per essere monitorati per un periodo di 24 giorni. Tali misure possono essere applicate anche in caso di mero transito da uno dei Paesi inclusi nelle fasce di rischio stabilite dalle autorità locali. Le Autorità locali si riservano inoltre la facoltà di introdurre, con poco o nessun preavviso, ulteriori o più stringenti restrizioni di viaggio nei confronti di viaggiatori di provenienza compatibile con aree a rischio, ivi inclusa l’Italia.

ROMANIA

24/02/2020

Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), le autorità romene stanno adottando misure di controllo e quarantena domiciliare di 14 giorni per i viaggiatori provenienti dalle località colpite dal coronavirus. In particolare, all’arrivo in Romania, tutti i viaggiatori asintomatici delle aree maggiormente interessate, rispettivamente la provincia cinese dell’Hubei e le località italiane oggetto di specifica ordinanza della Lombardia e del Veneto, saranno collocati direttamente in quarantena, per un periodo per 14 giorni. Ai viaggiatori provenienti da altre località delle regioni Lombardia e Veneto sarà richiesto un isolamento volontario domiciliare per 14 giorni dall’arrivo in Romania.

Covid-19 (nuovo coronavirus).

Misure di contenimento. Aggiornamento

BULGARIA

25/02/2020

Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus) nel Paese, le autorità locali hanno rafforzato i controlli sanitari all’Aeroporto di Sofia (Terminal 1 e 2) nonché ai principali aeroporti di transito di Varna, Burgas e Plovdiv, nei confronti di tutti i passeggeri in arrivo, con particolare attenzione a quelli provenienti dalla Cina continentale e dall’Italia. In particolare, tutti i passeggeri in arrivo dalla Cina vengono sottoposti a misurazione della temperatura e devono compilare un formulario per la raccolta dei dati. Se la temperatura dei passeggeri in arrivo dalla Cina è nella norma, vengono sottoposti a quarantena a domicilio. Per i passeggeri provenienti dalla Cina che presenteranno alcuni sintomi (ad esempio temperatura corporea superiore a 37 gradi), le autorità locali disporranno la quarantena ospedaliera. A tutti i passeggeri provenienti dall’Italia è richiesta all’arrivo la compilazione di un questionario, in presenza di un ispettore sanitario, dichiarando le proprie generalità e se si avvertono dei sintomi. In caso di febbre alta o tosse, verificatesi successivamente all’ingresso nel Paese, si dovrà contattare un medico di base. Le autorità locali raccomandano di non recarsi direttamente all’ospedale senza aver prima preso contatto con il medico. Per tutti i passeggeri in arrivo in Bulgaria che presentassero temperatura corporea superiore ai 37 gradi è prevista una consultazione nella struttura sanitaria specializzata istituita in Aeroporto. La compagnia Air Bulgaria ha comunicato la cancellazione dei voli da e per Milano fino al 27 marzo.

 

EMIRATI ARABI UNITI

24/02/2020

Le Autorità degli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato, a partire dal 5 febbraio 2020, la sospensione di tutti i voli aventi come provenienza o destinazione la Cina, ad eccezione dell’aeroporto di Pechino. Sono escluse da questo provvedimento di sospensione anche le Regioni Amministrative Speciali di Hong Kong e Macao. Tutti i passeggeri in arrivo negli aeroporti degli EAU vengono sottoposti al rilevamento della temperatura corporea. Qualora, una volta nel Paese, ci si rechi in ospedale per sintomi compatibili con il COVID-19 e si provenga da un Paese considerato “a rischio” coronavirus (inclusa l’Italia), le autorità sanitarie locali potranno predisporre delle misure di quarantena.

 

 

TURCHIA

24/02/2020

Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus) nel Paese, in ragione dell’aumento dei casi registrati in Iran, le autorità locali hanno disposto fino a nuovo ordine la sospensione dei voli da/per l’Iran. Per maggiori informazioni, consultare il Focus Coronavirus di questo sito.

Prenota in modo semplice e sicuro

Dove vuoi parcheggiare?
16:00
17:00
Informativa
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa.